Il Museo di Storia Naturale della Maremma

Le teche del Museo e l’oreopiteco

Tra le cose da fare e da vedere con i bambini in terra toscana, c’è senz’altro il Museo di Storia Naturale della Maremma. Ci troviamo a Grosseto, nel cuore di un territorio di eccezionale bellezza, ricco di attrattive praticamente per tutti, anche per i più piccoli; poniamo, però, che vi troviate a passeggiare per le vie della graziosa città (detto tra di noi, i suoi abitanti soffrono di quello che io ho definito “complesso di inferiorità”: considerano la loro città niente di che, forse prendendo a punto di riferimento Siena o Firenze. Ebbene, Grosseto non arriva a quei livelli, ma di sicuro si tratta di una bella città, senza se e senza ma) di sera, quando le giornate non sono ancora eccessivamente lunghe… che fare? Con il Museo di Storia Naturale della Maremma si fa sicuramente centro: i bambini saranno entusiasti di visitare questa struttura distribuita su tre piani, in cui si ripercorrono la storia naturale e quella umana del vicino, omonimo Parco Regionale, dando anche un quadro dei suoi vari ecosistemi, spaziando anche con una panoramica dei vari ambienti naturali di tutta la grande provincia grossetana.

Read more… →

La Forestella

Ciaspolando al cospetto del Forcellone

Finalmente si collaudano le ciaspole, tutti insieme! Si va a Prati di Mezzo, e da là si sale per la Forestella, a guadagnare la valle incantata che si trova ai piedi del maestoso Forcellone! Tanta neve, di consistenza perfetta per una bella ciaspolata: un manto che, all’uscita del bosco, supera sicuramente il metro di spessore!

Come prima volta tutti insieme, e prima volta assoluta per il nostro piccolo gatto delle nevi sulle ciaspole, arrivare al cospetto del Forcellone per me era un piccolo sogno: ma ci siamo riusciti! Il sentiero che parte dalla piccola stazione sciistica, dirigendosi verso sud, inizialmente con fisionomia di sterrata, è ideale per “testare” piccoli escursionisti in occasione del loro “battesimo della neve” e per sperimentare le ciaspole: ci sono difficoltà? E’ bella la sensazione? E’ divertente camminare su questo bel manto bianco, senza sprofondare e producendo questo suono così caratteristico? E ci sta anche che ogni tanto si faccia finta di inciampare: la tentazione di rotolarsi sulla neve è troppa e irresistibile!

Read more… →

Intorno a Monte Moleta

Cavalli al cospetto del Redentore imbiancato presso il rifugio di Pornito

Una nevicata come non se ne vedevano da anni sugli Aurunci; la consapevolezza che, a pochi chilometri dal mare, la combinazione “neve alta-bel tempo” dura al massimo l’arco di 24 ore; la voglia di godere di questa combinazione, anche se con poco tempo a disposizione. E allora, si parte, approfittando anche della strada sgombra di ghiaccio fino a Pornito.

Alla fine, è uscito un bel giro intorno a Monte Moleta, partendo proprio da Pornito e passando di nuovo attraverso il 915b, ricongiungendomi scendendo alla sterrata che sale per Valliera e Canale, passando per Forcella di Fraile. Una digressione tra il bianco della neve e il blu del cielo e del mare, un connubio eccezionale.

Read more… →

Monte Altino

Da Monte Altino

Monte Altino si trova là, spietata pietraia, alle spalle del Redentore. Un paesaggio lunare che non accoglie, non invita, tanto da non avere neanche un sentiero che conduca alla sua vetta: perché mai dovresti salirci? Perché mai dovresti andarci?

Anche io, in passato, ho pensato che non valesse la pena salire appositamente lassù e che fosse sufficiente guardare la mole desolata di questa vetta dal Redentore. Ebbene, mi sbagliavo, alla grande!

Read more… →

D’inverno a Gianola ghiaccia!

Caldo cuore di ghiaccio a Gianola

Con mezza Italia sotto la neve e condizioni meteo che lasciavano quanto meno incerti sul da farsi (soprattutto se hai due bambini nella compagnia), abbiamo vagato un pochino prima di decidere la destinazione; è stato un vagare ideale, beninteso, non sapevamo bene cosa fare, se approfittare della neve (con rischio ghiaccio e vento freddo) o del fatto di vivere su una costa che offre destinazioni escursionistiche interessanti, anche se magari già conosciute. La scelta, infatti, è caduta di nuovo su quel piccolo scrigno di tesori che è il Parco di Gianola.

Read more… →